Technology-driven healthcare in times of crisis
 

Assistenza sanitaria basata sulla tecnologia in tempi di crisi

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, nel decennio iniziato con il 2020 la tecnologia digitale ridefinirà il sistema sanitario. I vantaggi dell'innovazione in questo settore sono notevoli e il cambiamento è atteso da tempo, ma come sempre il potenziale di trasformazione della tecnologia deve confrontarsi con il peso dello status quo. Questo è molto evidente nel settore sanitario in Europa. La pandemia può dare lo scossone necessario per favorire la trasformazione in tutto il settore?

Thumbnail
Powered by Intel

 

Per decenni, il potenziale della trasformazione nel settore sanitario è stato chiaro. A un livello di base, le possibilità di connettersi rapidamente con i medici e di condividere le informazioni tra esperti possono portare a risultati migliori nell'assistenza ai pazienti, ma questo è solo l'inizio. Oggi però, il potenziale della tecnologia non viene ancora sfruttato come dovrebbe.

Prima di tutto, è importante riconoscere la differenza tra digitalizzazione e digital transformation. Da una ricerca è emerso che in Europa è stato digitalizzato il 78% delle cartelle cliniche dei pazienti, ma il successivo passaggio cruciale sarà l'uso di una tecnologia più intelligente che sfrutti i vantaggi di questa innovazione. È qui che inizia la vera trasformazione.

Secondo un recente report di McKinsey (2019), i paesi europei sono indietro rispetto agli Stati Uniti sull'uso delle cartelle cliniche elettroniche. Il tasso di adozione in Europa è del 3%, mentre negli Stati Uniti raggiunge il 35%. I potenziali vantaggi di questa tecnologia sono enormi, ovvero la possibilità di ottenere su richiesta informazioni accurate e aggiornate sui pazienti. Ciò consente di migliorare la diagnostica, coordinare meglio l'assistenza, garantire maggiore sicurezza per le prescrizioni e offrire un più ampio accesso all'assistenza in generale.

Nell'Annual European eHealth Survey (2019), l'HIMMS (Healthcare Information and Management Systems Society) ha intervistato 531 professionisti del settore sanitario per identificare le principali tendenze nella telemedicina per i prossimi anni. Il 38% degli intervistati ritiene che le cartelle cliniche dei pazienti rappresentino la tendenza più significativa. La fornitura di servizi di telemedicina si posiziona al secondo posto con il 36%.

Alla luce della pandemia di Covid-19, tuttavia, è probabile che queste priorità siano cambiate. Le esigenze di distanziamento sociale richiedono più flessibilità. Ora che un numero maggiore di operatori sanitari deve lavorare da casa, diventa ancora più importante disporre di computer affidabili e potenti in grado di mettere in comunicazione i medici con i pazienti e di consentire l'accesso remoto ai dati sensibili.

ThinkPad T14i Healthcare Edition offre le prestazioni che i medici si aspettano da un dispositivo ThinkPad, con funzionalità avanzate per migliorare l'assistenza ai pazienti. Audio e video di alta qualità rendono ad esempio più semplici ed efficaci i consulti di telemedicina. L'infrastruttura VDI (Virtual Desktop Infrastructure) permette ai medici di accedere alle applicazioni importanti da remoto, consentendo flussi di lavoro più efficienti, come la possibilità di interpretare le immagini radiologiche lontano dal laboratorio. Dispositivi affidabili come questi semplificano l'accesso all'assistenza fornita da esperti qualificati.

I notebook come ThinkPad T490 sono inoltre realizzati per resistere a 10.000 interventi di pulizia in un ciclo di vita di 3 anni e offrono funzionalità di sicurezza avanzate, tra cui un lettore di impronte digitali per un accesso comodo e sicuro ai dati sensibili. Fornire ai medici una tecnologia di questo tipo è il primo passaggio da compiere per il successo della trasformazione. I report relativi al mercato europeo suggeriscono che in passato il raggiungimento di questo obiettivo è stato ostacolato dalla mancanza di fondi e infrastrutture, ma la risposta alla pandemia potrebbe cambiare la situazione.

L'infrastruttura, una volta implementata, potrebbe favorire un'ulteriore trasformazione. Fra i vari fattori di cambiamento, l'intelligenza artificiale e la medicina personalizzata sono ritenute ugualmente importanti per i prossimi anni. Sarà necessario sfruttare la potenza dei Big Data per iniziare a identificare le tendenze nella salute della popolazione e creare modelli predittivi di assistenza sanitaria. Le potenti tecnologie di intelligenza artificiale, ad esempio, oggi sono in grado di decodificare i singoli genomi in poche ore, fornendo una valutazione intelligente dei rischi per pazienti specifici.

Per l'epidemia di Covid-19, la biologia computazionale è stata fondamentale per consentire una risposta rapida per lo sviluppo di trattamenti e la comprensione del virus. Aziende come AtomWise hanno sviluppato un'intelligenza artificiale in grado di eseguire screening in silico per predire rapidamente l'efficacia dei composti farmaceutici. Nel frattempo, progetti di dati open source, come coronavirus3d.org, aumentano la disponibilità di conoscenze per combattere la più grave minaccia per la salute pubblica dell'ultimo secolo. La tecnologia indossabile (o "wearable") e Internet of Things (IoT) possono infine rendere più efficienti le misure di tracciamento e contenimento.

Al di là della risposta alla pandemia, il potenziale dell'intelligenza artificiale nel settore sanitario è notevole, come è lecito attendersi. Ad esempio, può aiutare a interpretare con precisione le immagini radiologiche, alleggerendo il carico dei professionisti. Quest'anno, la rivista Nature ha pubblicato un articolo che illustra il potenziale dell'intelligenza artificiale DeepMind di Google nell'identificare il cancro al seno. Dalla ricerca emerge una riduzione assoluta del 5,7% e dell'1,2% (Stati Uniti e Regno Unito) nei falsi positivi, nonché del 9,4% e del 2,7% nei falsi negativi. DeepMind dichiara di avere eseguito una simulazione che dimostra che questo metodo può alleggerire il carico di lavoro dei revisori dell'88%.

La gamma di potenti dispositivi professionali Lenovo può fornire le fondamenta tecnologiche per la trasformazione del settore sanitario. Lenovo ThinkCentre Nano Healthcare Edition è ad esempio un desktop incredibilmente versatile e discreto con un fattore di forma di soli 0,35 litri. Una tecnologia smart dedicata come questa può offrire connettività, collaborazione e prestazioni rapide per il settore sanitario.

Rendere più connesso il settore sanitario comporterà sfide in ambito di maturità digitale, scalabilità, gestione dei dati e sicurezza informatica, ma i risultati potenziali sono significativi al punto da giustificare l'impegno. Lenovo offre tecnologia e soluzioni smarter per creare flussi di lavoro efficienti ed efficaci. Ciò che molti operatori sanitari si chiedono oggi è se il settore potrà trarre vantaggio dalla crescita di attenzione e investimenti a seguito all'epidemia di Covid-19 e se la trasformazione inizierà finalmente ad accelerare.

 

Per saperne di più sulle soluzioni tecnologiche smarter di Lenovo per il settore sanitario, visita la landing page.